Login

ARvis.it sostiene
Cesvi Onlus nei suoi progetti
di lotta alla fame e malattia
e ti invita a comprare
una bomboniera beneficenza,
tra cui i sacchetti portaconfetti
e le scatoline portaconfetti
per la solidarietà.

Approfitta per Natale!
Scegli i regali natalizi solidali
e i regali last minute Cesvi

 

Home arrow Idee di Natale arrow Decorazioni di Natale
Decorazioni di Natale Stampa E-mail

Le decorazioni natalizie sono numerosissime e sempre più fantasiose. Ne riportiamo alcune tra le più tradizionali.

Albero di Natale:  In genere l'albero di Natale è un abete o un pino, ma possono essere usati anche altri tipi di albero. L’uso più diffuso è quello di alberi artificiali, che sono più economici e pratici. Diverse nazioni hanno diverse tradizioni circa la data o il periodo in cui l'albero dovrebbe essere addobbato. La tradizione più antica prevedeva che l'albero fosse addobbato il 24 dicembre e rimosso all'epifania, il 6 gennaio; in seguito il periodo si è notevolmente allungato, anticipando all’8 dicembre la data per l’addobbo.

Angeli: Gli Angeli sono esseri soprannaturali delle religioni cristiana ed ebraica, ma sono conosciuti anche dal buddismo, islam ed induismo. Sono messaggeri divini. Nella cultura occidentale sono rappresentati con ali e abiti bianchi e lunghi. Spesso sono biondi e talvolta hanno una aureola sul capo. Come decorazioni possono essere usati sull’albero, nel presepe o come figure diffuse nella casa, attaccati alle finestre, ai lampadari o come candele sulla tavola imbandita.

Palle di vetro: Le palle di vetro utilizzate come decorazioni natalizie sono di origine tedesca. Già 300 anni fa se ne faceva uso durante le festività. Venivano decorate con pitture semplici e molto colorate. Oggi si usano più speso palle decorate di plastica sottile anche con forme particolari, come pigne, angeli, stelline, campanelle, fiocchi di neve e altro.

Candele di Natale: La tradizione delle candele sull’albero risale al 1600. La candela simboleggia vita e gioia in un periodo buio ed è la perfetta decorazione di Natale. E’ tradizione decorare la tavola imbandita con alcune candele accese disposte al centro o con una lanterna tradizionale, decorata a mano.

Luci ad intermittenza: Le file di miniluci elettriche hanno progressivamente sostituito nel ventesimo secolo le candele posizionate sui rami; sono di solito colorate o intermittenti, e vogliono ricordare luci fatate, specialmente se la loro luce è diffusa dai fili argentati o dalle palle di vetro o dai rami stessi dell'albero.

Fili argentati e dorati: Detti anche capelli di angelo, i fili argentati o dorati erano originariamente fatti di rame o di lana di vetro, e pertanto piuttosto costosi. Oggi sono fatti per lo più di carta e materiale plastico. Vengono avvolti intorno all’albero o fatti scendere dall’alto verso il basso poggiando sui rami. Queste decorazioni creano bellissimi riflessi tra i rami e riflettono magicamente le luci.

Il Puntale: E’ la decorazione che viene posta in cima all’albero, e che ne accentua e maggiora l’altezza. Così detto perché ha tradizionalmente una forma a punta, in realtà ultimamente ha assunto anche altre forme: a stella, a palla, ad angelo e così via. E’ sempre colorato, a volte ornato di brillantini, spesso anche luminoso.

Stella di Natale (decorazione): Secondo la tradizione è la stella cometa che ha guidato i Re Magi fino alla mangiatoia dove nacque Gesù. Ora si usa realizzare una decorazione luminosa a stella con la coda da mettere sul presepe o, in alcuni casi, sull’albero al posto del puntale. Ci sono anche stelle comete di grandi dimensioni, fatte di luci intermittenti in serie, da usare come decorazioni di negozi, balconi o terrazze.

Stella di Natale (pianta): È una pianta tipicamente fotoperiodica, pertanto la sua fioritura avviene in pieno inverno quando le giornate sono più corte. Infatti per avere una buona fioritura la pianta deve stare per buona parte della giornata al buio. La sua bellezza è senza dubbio la fioritura ma, al contrario di quello che si può pensare, il suo fiore, con petali disposti a coppa, non è rosso ma di colore giallo. E’ diventato un tradizionale regalo di Natale che si trova facilmente in tutti i mercatini.

Agrifoglio: Noto anche come Pungitopo, si tratta di una pianta a corteccia liscia e rami verdastri, dal fogliame verde scuro e lucente con varietà variegate di bianco e frutti rossi e tondi. Viene utilizzato a scopo decorativo o come augurio di buona fortuna e prosperità per il nuovo anno.

Vischio: Al vischio sono riconducibili leggende e tradizioni molto antiche: dalle popolazioni celtiche, era considerato pianta sacra e dono degli dei; secondo una leggenda nordica teneva lontane disgrazie e malattie; continua in molti paesi a essere considerato simbolo di buon augurio durante il periodo natalizio: diffusa è infatti l'usanza di salutare l'arrivo del nuovo anno baciandosi sotto uno dei suoi rami. Si tratta di una pianta sempreverde parassita caratterizzata da foglie oblunghe e coriacee con fiori gialli e frutti dalle bacche sferiche bianche.

Presepe: La parola "presepe" significa "mangiatoia" e per antonomasia indica il luogo nel quale, come è raccontato nel Vangelo di Luca, fu posto Gesù appena nato. L’istituzione tipicamente italiana del presepe è una tradizionale rappresentazione scenica della natività di Gesù bambino, in cui compaiono, oltre a Giuseppe, Maria e il Bambinello, anche il bue e l’asino, i Re Magi e svariati pastori con le loro pastorizie. Per tradizione il presepe si alestisce, nelle case o nelle chiese, all'inizio di dicembre, ma il Bambino viene messo nella mangiatoia la notte tra il 24 e il 25 dicembre, mentre i Re Magi Vengono avvicinati alla grotta il giorno dell'Epifania.





Reddit!Del.icio.us!Google!Live!Facebook!Slashdot!Netscape!Technorati!StumbleUpon!Newsvine!Furl!Yahoo!Smarking!Ma.gnolia!Free social bookmarking plugins and extensions for Joomla! websites!
 
< Prec.   Pros. >